Revisione dei veicoli generalit

Normativa di riferimento
Art 80 codice della strada Decreto 16/01/2000 del Ministero dei Trasporti e della Navigazione (per ciclomotori e motoveicoli).
La revisione dei veicoli a motore è un controllo che serve a garantire che, nonostante l'uso, il veicolo conservi i requisiti di idoneità alla circolazione accertati in sede di omologazione, e che riguardano le condizioni di silenziosità e di sicurezza ai fini della circolazione e la limitazione delle emissioni inquinanti.
Tale verifica consiste nel sottoporre il veicolo ad un controllo di tipo tecnico effettuato a cura degli Uffici Provinciali della Motorizzazione  Civile oppure da imprese di autoriparazione munite di concessione (solo in caso di autoveicoli di massa complessiva uguale o inferiore alle 3,5t e con un numero di posti inferiore o uguale a 16 persone compreso il conducente La revisione può essere di tre specie:
a) periodica, che coinvolge indiscriminatamente un certo numero di veicoli aventi determinate caratteristiche.
Precisamente deve essere effettuata dopo 4 anni dalla prima immatricolazione e poi ogni 2 anni dopo la prima revisione per:

o autovetture

o autocaravan

o autocarri con massa complessiva inferiore o uguale a 3500 kg

o rimorchi con massa complessiva inferiore a 3500 kg (nel caso di carrello appendice

che segue l’autoveicolo)

b) annuale, che coinvolge ogni anno indiscriminatamente i seguenti veicoli:
o autocarri di massa complessiva superiore 3500 kg

o rimorchi con massa complessiva superiore a 3500 kg

o taxi

o autobus

o autoambulanze

c) straordinaria su segnalazione degli organi di polizia stradale, che coinvolge un veicolo determinato, quando sorgano dubbi sulla persistenza dei requisiti di sicurezza o del mancato rispetto dei limiti vigenti in materia di inquinamento acustico ed atmosferico.