Revisione dei veicoli. Modalità di prova dei veicoli dì massa complessiva maggiore di 3,5 tonnellate.

Camionvecchio%20citroenSi fa seguito alle precedenti circolari e norme riguardanti l'oggetto ed in particolare alla circolare prot. n. 7690/699 del 16712/1999 e la circolare prot. n. 6711/604 del 27/07/2000

Con la prima circolare veniva inizialmente fissata al 01/06/2000 la data per l'avvio delle nuove procedure del riconoscimento del tipo di attrezzatura per la verifica dell'efficienza frenante dei veicoli in oggetto dettagliando sia le caratteristiche dell'attrezzatura di prova, sia le soglie dei parametri da analizzare, sia ancora le condizioni di prova.

 

La successiva circolare, nel fornire ulteriori precisazioni di tipo tecnico sulle attrezzature di prova, indicava implicitamente la data del 01/06/2003 per l'inizio delle operazioni di revisione sulla base delle condizioni di prova fissate al punto 1.4 della precedente circolare 7690/699.

Alla luce di recenti serrati incontri tenuti dallo Scrivente con alcuni dirigenti e funzionari degli Uffici Provinciali sono emerse alcune criticità in ordine all'effettiva eseguibilità delle prove alle condizioni imposte dal punto 1.4 della predetta circolare 7690/699.

In particolare devono essere ancora approfonditi alcuni aspetti della procedura riguardante le condizioni di presentazione alle prove dei veicoli che trasportano merci pericolose in cisterne o merci deperibili.

Sono peraltro in corso indagini approfondite finalizzate alla verifica della qualità delle misure effettuate su alcuni tipi di veicoli rimorchiati dotati di sospensioni pneumatiche, per i quali si è sovente in presenza di risposte anomale nel confronto tra le misurazioni a vuoto e a pieno carico.

Alla luce di quanto rappresentato appare opportuno fissare al 01/01/2004 il termine per l'inizio delle operazioni di revisione citate al 3° alinea della presente comunicazione, allo scopo di evitare i rischi di potenziali disomogeneità dì comportamento nelle operazioni di revisione tra i vari Uffici periferici DTT.

Nel corso dei prossimi sei mesi, un gruppo di lavoro appositamente costituito, studierà le problematiche dette in modo da formulare, con congruo anticipo rispetto alla nuova scadenza, puntuali indicazioni sulle condizioni di prova per tutte le categorie di veicoli interessate.

Si conferma, peraltro, la validità di tutte le altre disposizioni che le circolari forniscono in ordine alle attrezzature, sia per quanto concerne le caratteristiche tecnico-costruttive che prestazionali nonché per quanto attiene le scadenze concernenti gli adeguamenti obbligatori dei banchi prova a rulli.

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO (Dott. Ing. Amedeo FUMERO)